La Nostra Storia

Il CineTeatro nacque negli anni ’50 quando il parroco don Biagio Rossetti fece costruire la struttura all’interno dell’oratorio intitolata a Pio XII. Fu una grande innovazione per Ronco Briantino perché divenne un punto di riferimento, condivisione, scambio culturale e artistico non solo per i giovani , ma per tutti i paesani. La sala prevedeva la predisposizione per le Pieces teatrali e per la proiezione cinematografica.

Dopo la ricca programmazione degli anni ’60, il CineTeatro ebbe un lungo periodo di inattività in cui fu utilizzato occasionalmente per piccoli spettacoli, per eventi durante la festa patronale e per la pesca di beneficenza.

Nei primi anni ’90 si decise di mettere mano alla completa ristrutturazione grazie all’intervento del parroco don Armando Colombo. I lavori terminarono nel 1994 e il CineTeatro prese il titolo di Sala della comunità. Nel frattempo si creò una compagnia di giovani attori all’interno dell’oratorio, che prese il nome di “La compagnia teatrale Oratorio”. La nuova struttura fu inagurata a Gennaio 1995 con lo spettacolo “Forza venite gente

Il 1995 fu stato un anno proficuo per il CineTeatro: infatti, dopo il rilancio, calcarono le scene molte compagnie locali portando spettacoli teatrali, concerti, cabaret e molto altro.

Dal 1996 al 2012 la sala  rimase attiva principalmente con l’attività cinematografica, e in minor parte con l’attività teatrale, che dal 2006 al 2016 venne affidata totalmente alla “Fabbrica delle Idee” un’ associazione ronchese che organizzò una stagione teatrale e dei corsi di teatro per tutte le età.

Nel 2013 assistiamo alla fine della produzione di film in pellicola: a causa dell’ingente costo, non è stato possibile effettuare la conversione delle macchine cinematografiche per la proiezione digitale, causando quindi lo stop della proiezione cinematografica. Questo porta anche allo scioglimento del gruppo di volontari che gestiva la struttura.

Da quell’ anno in poi la sala non riesce più a garantire una sua programmazione di eventi continuativa, ma viene più che altro utilizzata come affitto a terzi. Nonostante ciò la parrocchia, con diversi investimenti, ha continuato a mantenere la struttura a norma e funzionante.

Nel 2020 viene chiesto ad un nuovo gruppo di volontari di prendere in mano la gestione della struttura e rilanciarla. Si è costituito un nuovo Direttivo che si appoggia alla direzione artistica di Alberto Oliva, noto regista milanese, creando un grande progetto di stagione teatrale, che comprenderà la Grande Prosa, con illustri nomi del panorama teatrale nazionale, il Teatro per ragazzi e la Musica dal vivo, la rassegna di Teatro Amatoriale e la ripresa del Cineforum e delle serate a tema sul Cinema.